ANTONIO DE ROSSI

Riabitare l’Italia, pratiche di rigenerazione culturale

e di valorizzazione paesaggistica: La montagna di Tiziano,

un progetto per Monte Ricco di Pieve di Cadore

Giovedì 11 luglio ore 18.00
Sala Magnifica Comunità di Cadore – Pieve di Cadore    

Il saggio Riabitare l’Italia, le aree interne tra abbandoni e riconquiste (ed. Progetti Donzelli), curato da Antonio De Rossi, mette in luce un’Italia che soffre di più, quella delle aree interne che si confrontano con l’abbandono, ma che al contempo si riorganizzano grazie ai giovani e agli immigrati che si inventano innovative forme di imprenditorialità, mostrando una nuova consapevolezza ecologica. Nel libro si confrontano le riflessioni di storici, architetti, urbanisti, sociologi, antropologi, demografi, economisti ed ecologisti: ne esce la fotografia di un Paese diverso, dove i territori di margine si confrontano con la ingombrante dimensione metropolitana e propongono modelli di rigenerazione. Un invito a guardare l’Italia al contrario e a soffermarsi sulle periferie, che divengono forse decisive per vincere le sfide dei prossimi anni. In tale contesto trova posto il progetto curato sempre da De Rossi, finanziato da STREAM Italia/Austria…..avviato dalla Fondazione Centro Studi Tiziano e Cadore e denominato La montagna di Tiziano, che sarà presentato dallo stesso urbanista. Lo studio ha l’obiettivo di trasformare l’intera area di Monte Ricco nel rapporto con la struttura insediativa di Pieve di Cadore, interpretando il paesaggio con particolare riferimento alle Dolomiti, valorizzando al contempo l’opera e il rapporto con il luogo di Tiziano Vecellio. Il fine è quello di produrre nuovi significati del paesaggio e della montagna attraverso pratiche culturali, artistiche e paesaggistiche. Antonio De Rossi è professore ordinario di progettazione architettonica e urbana e dirige l’Istituto di Architettura montana, nonché la rivista Archalp. Il tutto al Politecnico di Torino.

Antonio Attilio De Rossi, nato a Torino, architetto, è professore ordinario in “Composizione architettonica e urbana” e Direttore del Centro di ricerca “Istituto di Architettura Montana presso il Dipartimento di Architettura e Design del Politecnico di Torino, dove si occupa di trasformazioni della città e del territorio contemporaneo, con particolare riferimento ai temi del progetto urbano e infrastrutturale, della progettazione morfologica del paesaggio alla grande scala, della riqualificazione degli spazi dell’urbanizzazione recente e della dispersione insediativa, dell’architettura e dell’ambiente alpino. Sui temi dell’architettura e del paesaggio di montagna è considerato uno dei massimi esperti nazionali ed europei. E’ autore di più di 200 titoli scientifici – tra cui una quindicina di monografie –, e suoi progetti sono stati pubblicati su diverse pubblicazioni nazionali e straniere, come ad esempio “Lotus International” e la cinese “World Architecture”. Oltre che in Italia, dove ha tenuto circa 150 relazioni a convegni e seminari, è stato invitato a tenere conferenze in Francia e in Svizzera. Nel 2015, con il libro “La costruzione delle Alpi”, ha vinto il “Premio Mario Rigoni Stern per la letteratura multilingue delle Alpi” e il “Premio Acqui Storia – sezione storico scientifica”.


SCARICA LA SCHEDA IN FORMATO PDF